News

Conclusa visita delegazione interministeriale guidata da ex ministro Barca

Conclusa visita delegazione interministeriale guidata da ex ministro Barca

Prosegue il tour sardo della delegazione interministeriale guidata dall'ex ministro della Coesione territoriale, Fabrizio Barca, che affiancata da uno staff tecnico della Regione Sardegna sta valutando un territorio da inserire nella Strategia nazionale delle aree interne (Programmazione 2014-2020). Alla fine la decisione spetterà alla Regione, che integrerà il finanziamento di circa 3,8 milioni di euro. I fondi saranno investiti contro lo spopolamento, promuovendo lo sviluppo economico e dei servizi sanitari, dell'istruzione e formazione professionale, della mobilità.

Dopo la visita di ieri ad Ales, nell'Unione dei Comuni dell'Alta Marmilla, la delegazione si è spostata oggi a Teti, nella Comunità montana del Gennargentu - Mandrolisai.

Undici comuni sparsi fra un'area montana e collinare con ricchezze ambientali e archeologiche preziosissime.

Fabrizio Barca, ( ex ministro Governo Monti ) nella sua relazione finale, ha sottolineato che il tratto caratterizzante emerso dai dati di studio e dal confronto di oggi è legato alla specificità del fare impresa in queste aree: ''Qui siete stati capaci di tradurre la specificità, il lavoro, prestando attenzione alla domanda del mercato globale''. Sul campo agroalimentare l'ex ministro ha poi suggerito di valorizzare la ''tracciabilità e la comunicatività sui prodotti che nella vendita andrebbero più legati al territorio di provenienza''.

Al link: http://www.regione.sardegna.it/j/v/25?s=259581&v=2&c=152&t=1 potete vedere la clip dell'intervista all'ex Ministro Barca e ascoltare la sintesi degli interventi.

Chi è Fabrizio Barca? ( fonte Wikipedia )

Fabrizio Barca è figlio di Luciano Barca, economista, ex partigiano, deputato e poi senatore della Repubblica Italiana, iscritto al Partito Comunista Italiano nonché direttore de l'Unità.

Si è laureato a Roma in Scienze statistiche e demografiche e ha proseguito gli studi conseguendo il Master of Philosophy in economia all'Università di Cambridge.

Economista, esperto di politiche di sviluppo territoriale, è stato presidente del Comitato per le politiche territoriali dell'OCSE dal 1999 al 2006 e nel 2009 ha realizzato per la Commissione Europea il rapporto indipendente sulle politiche di coesione ''An Agenda for a reformed cohesion policy''.[2]

Nel 2005, l'Università di Parma gli ha conferito la laurea honoris causa in Economia Politica per i suoi meriti nel campo dell'analisi e interpretazione dello sviluppo economico italiano e dell'evoluzione della struttura produttiva, e per avere contribuito a concepire e creare il sistema istituzionale e operativo delle politiche di sviluppo territoriali in Italia.

Ha insegnato Politica economica, Finanza aziendale e Storia dell'economia presso le università di Milano (Università Bocconi), Modena, Parigi (Sciences Po), Siena, Roma, Parma e Urbino. È stato quindi visiting professor con incarichi di ricerca presso il Massachusetts Institute of Technology di Boston e la Stanford University. Ha pubblicato numerosi saggi sulla teoria d'impresa, sulle piccole e medie imprese, sulla corporate governance, sulla storia del capitalismo italiano e sulle politiche regionali.

Ha ricoperto gli incarichi di capo della Divisione ricerca della Banca d'Italia, di capo del Dipartimento delle Politiche di Sviluppo presso il ministero del Tesoro, e direttore generale del Ministero dell'Economia e delle Finanze. Il 16 novembre 2011 è nominato ministro senza portafoglio con delega per la coesione territoriale del governo Monti

Condividi: